Il Ministro dell’Interno e il leader della Lega Matteo Salvini oggi ha fatto tappa in Sicilia come promesso , accolto come una star e da tanta gente che vede segnali di cambiamento e innovazione su temi tanto delicati e, improntati sin d’ora a preoccupazione. Ha subito messo in chiaro la questione dei migranti, terra di continui sbarchi e terra di speculazione da parte di cosche, scafisti e tanta gente che lucra attorno ad un fattore che ha messo in atto un vero e proprio business. “Non assisterò ancora senza far nulla a questi continui sbrachi. Servono centri per espellere. L’Italia per la serenità, tranquillità e convivenza civile accoglie chi scappa dalla guerra, ma sono meno del 10%.
Oggi altri morti in mare: il Mediterraneo è un cimitero”, ha detto il neoministro dell’Interno, a Catania per sostenere il candidato sindaco del centrodestra, Salvo Pogliese, “C’è un unico modo per salvare queste vite: meno gente che parta, più rimpatri. La vita è sacra e per salvarla bisogna evitare che salgano sulle carrette del mare. Da ministro farò di tutto lavorando con quei governi, per evitare le partenze di quei disperati che pensano che c’è l’oro in Italia. Non c’è lavoro per gli italiani”.

Il leader ha anche messo in chiaro che con Di Maio c’è un’alleanza solo sui temi di un contratto, e questo servirà per non litigare e, portare avanti tutti quei temi improntati e chiari, dettati da un esame scrupoloso fatto in sede di prescrizione e durante tutto questo periodo, stando dall’altra parte della barricata. La Lega è , e rimane al centrodestra, operando nel bene del contratto che abbiamo firmato e sottoscritto con il M5S.

Antonio David – ForestaliNews

Rispondi