(ANSA) – PALERMO, 24 SET – Il Gip di Caltanissetta David Salvucci ha rigettato per la seconda volta la richiesta d’archiviazione nei confronti del procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, disponendo ulteriori indagini per i reati di falso ideologico e abuso che sarebbero riscontrabili in un verbale di udienza di un procedimento a carico dell’avvocato Giuseppe Arnone, difeso da Daniela Principato. Lo stesso Gip ha disposto un’ulteriore iscrizione per calunnia, a carico del solo Salvatore Vella, nel procedimento che coinvolge anche il Gip Alessandra Vella e la cancelliera Daniela Canino. “Questo provvedimento del Gip Salvucci – spiega l’avvocato Principato – e’ importantissimo perche’ finalmente crolla il muro dell’impunita’ garantito alle azioni di magistrati in servizio alla procura di Agrigento, che hanno persino ingiustamente messo le manette ai polsi a Giuseppe Arnone. Il Csm dovrebbe riflettere sullo stato della giustizia ad Agrigento, anche col ruolo di vertice assunto adesso dall’indagato per calunnia Salvatore Vella”.(ANSA)

Rispondi