Questa è l’ultima sentenza della Corte di Cassazione, relativa al ‘Sistema Montante’. Si tratta di una nuova decisione della VIª Sez. della Cassazione, depositata lo scorso 8 maggio, relativa al ricorso, respinto, presentato dal colonnello dei carabinieri, Giuseppe D’AGATA, considerato uno dei principali responsabili della fuga di notizie riservate che servivano per favorire il Montante, in cambio della sua promozione dentro i servizi segreti e di un prestigioso incarico per la moglie. Questo pronunciamento è successivo all’annullamento con rinvio, relativo al ricorso attinente il capo di imputazione riguardante il contestato originario reato associativo.

In altri termini la Cassazione ha sentenziato che esisteva l’associazione a delinquere, denominata ‘Sistema Montante’. Mentre con quest’ultima decisione si rimarca, inoltre, che il colonnello D’Agata, attualmente sotto processo assieme all’ex suo superiore, il generale dei carabinieri Arturo Esposito più altri, era una pedina fondamentale del ‘Sistema Montante’.

Leggi qui:

Sez. SESTA PENALE, Sent. n.19782 del 08052019, Relatore AGLIASTRO

Rispondi