Pietro Chiarenza, 64 anni, di Grotte, reo confesso dell’omicidio del fratello Roberto, 56 anni, ucciso l’8 aprile scorso a Grotte, è caduto nel bagno in una comunità ed è morto. Pietro Chiarenza, giudicato nel corso di un incidente probatorio del tutto incapace di intendere e di volere, e socialmente pericoloso, è stato detenuto in una comunità della provincia di Agrigento dopo un periodo di carcerazione. Alcuni giorni addietro lo stesso Chiarenza ha riportato un trauma cranico e la frattura della mandibola e del setto nasale. Il terzo fratello, tramite il suo legale, l’avvocato Loretta Severfino, ha presentato denuncia ai Carabinieri per accertare la dinamica di quanto accaduto e se i soccorsi siano stati tempestivi.

Rispondi