I sospetti della polizia sulla morte della donna di 45 anni, uccisa con una coltellata nella sua abitazione, a Lentini, sono sul marito.

Il decesso è avvenuto nell’appartamento dove la donna viveva ed a chiedere l’intervento dei soccorsi è stato il marito che, al telefono, ha riferito alla polizia del decesso della donna. Le indagini sono condotte dagli agenti della Squadra mobile di Siracusa e del commissariato di polizia di Lentini che dopo i primi rilievi hanno escluso l’ipotesi del suicidio

I sospetti si concentrano sul marito già da ieri sera ma al momento sono solo supposizioni. L’uomo, di nazionalità italiana mentre la vittima è originaria del Marocco, si trova negli uffici del commissariato di Lentini dove prosegue il suo interrogatorio davanti al sostituto procuratore della Procura di Siracusa, Gaetano Bono, che coordina le indagini.

Parenti e amici in commissariato

Negli uffici della polizia, ci sono anche i parenti, conoscenti ed amici della coppia per sapere se, di recente, marito e moglie avevano avuto dei contrasti o se erano frequenti delle liti.

La ricostruzione del delitto

Da quanto emerso dall’ispezione cadaverica sulla salma della donna, la ferita mortale è stata inflitta all’altezza della gola ma il marito, nel chiamare i soccorsi poco dopo il decesso della vittima, avrebbe riferito di un incidente, forse un suicidio ma questa ricostruzione non è ritenuta credibile dalla polizia di Lentini e dalla Squadra mobile di Siracusa, che ritengono ipotizzabile una lite della coppia sfociata in tragedia.

blogsicilia

Rispondi