È giallo sulla morte di un anziano. Non per le cause, ma per quanto trovato nei suoi effetti personali. Soldi, assegni per centinaia di migliaia di euro e chiavi di molte auto tra cui una Ferrari. La vittima è un 80enne colpito da un infarto nella sua casa all’Olgiata, e deceduto durante il trasporto al policlinico Agostino Gemelli. Dopo il decesso il personale ha cercato i documenti di identità e ha fatto la scoperta dell’insolito tesoro: aveva in tasca 12 mila euro in contanti, 330 mila euro in assegni circolari, le chiavi di una Ferrari, di una Suzuky e di una Mercedes riporta il Messaggero. L’ospedale ha allertato la polizia che ha compiuto accertamenti trovando nella disponibilità del defunto altre auto tra cui una Cadillac e proprietà immobiliari.

Agli agenti di polizia sono stati consegnati i beni dell’anziano che spettano agli aventi diritto ma a quanto pare non ci sono eredi diretti dal momento che l’80enne non era sposato e non ha avuto figli. Gli agenti dunque hanno aperto un’indagine per ricostruire l’albero genealogico e rintracciare i parenti più prossimi a cui, per legge, vanno i beni.

Rispondi