0 3 minuti 1 settimana

Record di visitatori e di incassi nella Valle dei Templi ad Agrigento. Solo nei primi 6 mesi del 2024 oltre 3 milioni e 800 mila euro. I dettagli e l’intervento di Scarpinato.

Esplosione di visitatori nella Valle dei Templi ad Agrigento. Da gennaio a giugno 2024 sono stati 489.122. Incassati 3 milioni e 800 mila euro. E sono soldi che intascherà la Regione. Invece al Comune di Agrigento e ai cittadini tante scatolette di sarde. E mancano anche gli spiccioli per riparare le buche stradali mortali o per tagliare le sterpaglie a ridosso di marciapiedi e abitazioni, colme di pulci e zecche, perché – raccontano – che tale servizio non è previsto nel contratto d’appalto della nettezza urbana da 9 milioni di euro all’anno, oltre le varianti aggiuntive. Basta, non conviene agitarsi perché danneggia la salute. E dunque, si prosegue: nel 2024 sono entrati da Porta quinta o dal tempio di Giunone il 9,27% di visite in più rispetto al 2023, quando sono stati 447 mila gli ingressi. E un incremento del 31% sugli incassi, che nel 2023 sono ammontati a 2 milioni e 900 mila euro. E se alla zona dei Templi sommiamo il Museo “Griffo”, il Museo “Pirandello” e il sito archeologico di Eraclea Minoa, allora i visitatori aumentano fino a 550 mila per 4 milioni di euro. Il mese d’incassi più da capogiro è stato maggio: ben oltre 1 milione di euro pagati da circa 133 mila visitatori, il 32% in più rispetto al 2023. Seguono febbraio e marzo con un aumento di visite del 40% per ciascun mese rispetto al 2023, complice anche “l’effetto Telamone”, il gigante appena risollevato. Il Museo “Griffo” nei primi 6 mesi del 2024 è stato visitato da 43 mila persone, con 142 mila euro incassati, circa il 47% in più rispetto al 2023. L’assessore regionale ai Beni culturali e all’identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato, gongola e commenta: “Il governo Schifani sta lavorando nella giusta direzione. I risultati ci premiano e i turisti continuano a scegliere la Sicilia come meta privilegiata. I maggiori introiti saranno reinvestiti integralmente nei siti stessi, per migliorarne i servizi e l’attrattività oltre che per tutelare e valorizzare il nostro inestimabile patrimonio culturale”. Dunque Scarpinato conferma: per la città nel senso urbano, baciata dalla fortuna di essere la città della Valle dei Templi, solo scatolette di sarde.

teleacras angelo ruoppolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *