0 2 minuti 1 settimana

L’8 luglio del 2021 a Carini, in provincia di Palermo, in via Aldo Moro, nel Parco comunale Sofia, un ragazzino di 12 anni, Gabriele Conigliaro, è morto perché gli è caduta in testa la porta del campetto di calcio dove è stato intento a giocare con alcuni coetanei. Lui è deceduto sul colpo e inutili sono stati i tentativi dei sanitari del 118 di soccorrerlo e rianimarlo. Gabriele Conigliaro avrebbe scavalcato il cancello insieme ad altri compagni e avrebbe iniziato a giocare. Poi si sarebbe aggrappato alla porta che lo ha travolto provocandogli un grave trauma cranico. Ebbene adesso la Procura di Palermo ha depositato istanza di rinvio a giudizio a carico del sindaco Giovì Monteleone, 57 anni, e del suo vice Salvatore Badalamenti, 62 anni. Prima udienza il prossimo 11 luglio. Secondo la Procura, il Comune avrebbe ricavato nel parco giochi un campo di calcetto ma senza i necessari adempimenti tecnici che ne attestassero la sicurezza. Non sarebbe stata mai riscontrata la corretta esecuzione della posa delle porte. E la porta che travolse Gabriele non sarebbe stata adeguatamente ancorata al suolo. Gli si contesta l’ipotesi di reato di omicidio colposo in concorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *